Intervista Creativa a PAOLA GUALANDRIS di IDEE POLIMERICHE

Mi chiamo Paola Gualandris e vivo in provincia di Milano, per l’esattezza a Trezzo sull’Adda. Ho 35 anni (…tra poco 36…).


Sono educatrice professionale e lavoro a tempo pieno in un CSE, centro diurno per disabili adulti della Cooperativa Sociale Castello. Il tempo libero ovviamente lo trascorro spesso alle prese con le paste polimeriche, soprattutto in questi ultimi mesi.

Sono una persona che non ama la vita movimentata, mi piacciono la tranquillità e la serenità delle piccole cose.
Non sopporto l’ingiustizia e l’ipocrisia…amo le persone oneste…

Purtroppo ho sempre poco tempo da dedicare a me stessa ma mi piace tantissimo prendermi dei momenti di pausa per fare lunghe passeggiate o leggere un buon libro.

Sono piuttosto golosa…amo frutta e verdura e non mangio quasi per niente carne perciò se volete invitarmi a pranzo preparatemi un bel primo piatto e una bella torta.

Negli anni ho sperimentato un po’ di tutto…dalla bigiotteria al decoupage passando per il cartonaggio, le candele, i saponi, il cake design ecc.

Tutto ciò che è creativo mi intriga e mi appassiona: amo avere a mia disposizione ogni genere di materiale: cartoncini, nastri, stoffe, bottoni, usarli e abbinarli per realizzare le mie idee.

La mia preferenza va sicuramente alle paste polimeriche. Ho approcciato questo mondo tanti anni fa (…credo circa una ventina…) trovando i primi panetti nel colorificio di paese. Allora non avevo a disposizione molte dritte da internet ed il materiale era davvero poco conosciuto. Ho iniziato seguendo le istruzioni di cottura e i primi tutorial su un libro e pian piano mi sono appassionata. Negli anni ho attraversato periodi di attività più intensa e momenti di riposo ma non ho mai del tutto abbandonato. Negli ultimi anni, grazie anche alla creazione della mia pagina Facebook ho trovato molti stimoli e spunti che mi tengono sempre attiva…rincorrendo sempre nuove idee.




Le creazioni che realizzo maggiormente sono le cornici portafoto personalizzate destinate soprattutto ai bambini. Nonostante le tante sperimentazioni i lavori che maggiormente vengono apprezzati sono quelli con soggetti allegri e teneri.

A chi è alle prime armi consiglierei di pensare solo al loro divertimento e soddisfazione, ciò che facciamo per amore di noi stessi è la più grande creazione…e sicuramente con il tempo arriverà anche il resto.

I miei sogni? Tanti…come tutte le creative sarebbe meraviglioso poter fare della nostra passione una professione ma questo vorrebbe dire rinunciare ad un lavoro che già amo…(ho avuto la fortuna di poterlo scegliere e realizzare). Forse il sogno vero in questo momento è un altro…ma se ve lo svelo che sogno è???



Vuoi conoscere meglio Paola o contattarla? Ecco dove trovarla: