Intervista Creativa a LEILA BIDLER


Nata in Germania e trasferitami in Italia all’età di 13 anni, mi sono diplomata presso l'ISA Ferruccio Mengaroni di Pesaro con specializzazione in moda e costume. 

Essendo cresciuta in Germania ho avuto modo di poter giocare con il Fimo già da bambina, i miei genitori sono due persone molto creative, mio padre intagliava il legno e mia madre si è sempre dedicata al fai da te cucendo vestiti per lei, me, le mie bambole e realizzando mille decorazioni per la casa. Il primo esperimento (fallito) con il Fimo è stato un nasone per una bambola befana...non avevamo capito che il Fimo andasse cotto e quindi non si è mai asciugato...ma basta non arrendersi alle prime difficoltà, ci siamo informate meglio e da li in poi questo materiale ci ha regalato tante soddisfazioni.
Conservo ancora la targhetta con il nome dei miei nonni che ho realizzato alle elementari - loro non ci sono più e nemmeno la loro casa...ma la targhetta rimarrà per sempre un legame con loro e quel periodo della mia infanzia. I miei studi sull'arte, il mio amore per il disegno e i colori hanno oramai trasformato i giochi di una bambina nelle gioiose creazioni di un'adulta (ma sempre con lo spirito di una bambina curiosa dentro).

Adoro i lavori meticolosi e di precisione, ho sempre molto occhio per i dettagli e le ceramiche sintetiche mi permettono di mescolare il mio amore per i colori con il mio bisogno di precisione, io lo chiamo "giocare e creare con del colore solido".
SPILLA BIP BARGELLO 
del progetto collaborativo 
con Dan Cormier 
(presente anche nel libro "Polymer Journeys")
Sono fermamente convinta che si debba sempre cercare la perfezione, di raggiungere e fare e dare il massimo di cui si è capaci in quel momento della propria esistenza.
Lo dobbiamo alle nostre muse e al nostro talento che va coltivato e allenato e mai sprecato. Giocare e riuscire a creare con le mie mani e trasformare dei blocchi di colore in qualcosa di unico mi permette di esprimere i miei sentimenti senza il bisogno di usare le parole che sono spesso limitative. Mi permette e mi ha permesso in questi anni di viaggiare e insegnare e frequentare conferenze e corsi con altri appassionati e quindi di conoscere persone e artisti da tutto il mondo, per questo sarò eternamente grata e quale ragione migliore potrei mai trovare per fare quello che faccio!

MASCHERA TEATRO COREANO 
pasta sintetica patine Swellegant
4 anni fa sono stata vittima di un grave incidente stradale e ho così guadagnato un secondo compleanno ;) Una delle cose più tremende era l'idea di non poter più creare e una delle cose che invece mi ha fatta combattere e aiutata ad uscire "dal peggio" è stato proprio insistere ad ogni costo di rimettersi all'opera. Da questo punto di vista devo molto alle paste modellabili: sono state terapeutiche sia da un punto di vista fisico che emotivo nel vero senso della parola.

Sono co-fondatrice di Polymer Clay Italia, una pseudo-associazione gratuita che offre la possibilità di confrontarsi con altri appassionati di Fimo & co, di conoscere nuove tecniche ed artisti, organizziamo incontri e corsi e tutti assieme cerchiamo di spingerci sempre un po' più in la e di alzare il nostro livello di conoscenza e capacità. Siamo un gruppo di collaborazione attiva dove ogni membro del gruppo fa la sua parte per contribuire. Ovviamente sono anche parte dell'associazione internazionale di ceramiche sintetiche IPCA e ho collaborato per anni come VP, admin dei vari gruppi fb, e membership.

COLLANA CHAINMAILLE 
tutta in pasta sintetica
Negli anni ho avuto la grande fortuna di poter partecipare a molti corsi con artisti internazionali tra cui ad esempio Kathleen Dustin, Sandra McCaw, Jana Roberts Benzon, Grant Diffendaffer, Judy Belcher, Lynne Ann Schwarzenberg e tanti altri, trovate foto e info su loro e i corsi sul mio sito. Almeno una volta all'anno cerco anche di organizzarne io anche in Italia con l'aiuto dei membri di PCI e invitando artisti da tutto il mondo.

Ho fatto collaborazioni con tanti artisti nazionali e internazionali e potete trovare miei lavori in svariate riviste, libri e pubblicazioni. Le mie opere sono anche state esposte in varie fiere e mostre e ho vinto diversi concorsi a livello internazionale, tra cui Staedtler Fimo Symposium in Francia, vari contest riguardanti i colori Swellegant (di cui sono anche insegnante autorizzata) di Christi Friesen e Lucy Clay Tools Extruder design contest, come anche contest della Sculpey Polyform con esibizione dei miei artefatti durante la fiera Creative World di Francoforte.


ZUCCA DI HALLOWEEN 
intagliata a mano 
in nocciolo di avocado
 con occhi di turchese
Non gioco solo con le paste modellabili tuttavia, amo anche cucinare, sperimentare ricette nuove e creare piatti colorati e gustosi. Mi piace il disegno e la scultura, mi diverto molto ad intagliare timbri e piastre per texture. La mia ultima passione è intagliare noccioli di avocado.

Nel mio sito www.lbidler.com trovate info sulle mie creazioni, su di me ed il mio calendario appuntamenti e corsi, ma anche informazioni sulle paste modellabili in senso lato (come la cronistoria della Fimo) e consigli e link utili, test e valutazioni di prodotti, attrezzi e racconti di corsi che ho frequentato.





FONTANA DA TAVOLA
interamente realizzata in pasta sintetica e patine Swellegant 
(presente anche nel libro FLORA di Christi Friesen)