COME COLORARE LA RESINA EPOSSIDICA: tutte le modalità consigliate e sconsigliate

luglio 28, 2017
Come si può colorare la resina epossidica? Quali sono i colori consigliati e quali invece sarebbe meglio evitare? Scoprilo in questo elenco!


COLORARE LA RESINA PRIMA DELLA CATALIZZAZIONE

In questa prima sezione verranno elencati i metodi di colorazione PRIMA della catalizzazione:

Metodi e colori consigliati

Generalmente con la resina è possibile utilizzare:
  • ombretti 
  • gessetti policromi 
  • colori appositi (es. PENTASOL)
  • pigmenti (es. Pearl Ex)

Metodi e colori generalmente non consigliati

E' consigliabile fare attenzione ad alcuni prodotti che potrebbero fare reazione con le vostre creazioni (come ad esempio alterare la colorazione, rendere più difficile la catalisi, etc.). Alcuni dei metodi elencati qui quindi potrebbero non portare ad un risultato adeguato. Tuttavia, niente vi impedisce di fare delle prove personalmente (facendo sempre attenzione alla salute!), poiché ad esempio alcune marche di prodotti funzionano bene, altre meno oppure fare delle prove facendo attenzione alla quantità. In genere sono sconsigliati:
  • colori alimentari
  • smalti per unghie 
  • colori a base d'acqua (es. tempere, acrilici; potrebbero inibire la catalisi)
  • colori per il vetro
  • inchiostri (ad esempio potrebbero sbiadire nel tempo)
Fate attenzione alle quantità di colorante; troppo colore potrebbe rallentare o impedire l'asciugatura della resina. 

COLORARE LA RESINA DOPO LA CATALIZZAZIONE

Per favorire l'aderenza dei colori alla superficie potrebbe essere consigliato l'uso di un primer per plastica. Per fissare ulteriormente i colori ed essere certi che non vadano via con il tempo, è possibile fare un ulteriore strato di resina. Alcuni colori consigliati che possono essere usati dopo la catalizzazione sono ad esempio gli acrilici.


Hai altri dubbi o domande sul tema?
iscriviti al gruppo facebook TUTTO SULLA RESINA 

Powered by Blogger.